Dieta Coppia

[vc_row][vc_column width=”1/4″][vc_single_image image=”1400″][/vc_column][vc_column width=”3/4″][vc_column_text]Qualsiasi cosa, compresa la dieta coppia, se fatta in coppia, riesce meglio. In due ci si spalleggia, ci si sostiene, ci sprona per raggiungere i traguardi prefissati. Anche dimagrire è più facile se la dieta la si fa col partner. Quindi darsi una mano quando si vogliono smaltire i chili superflui è un’ottima strategia. Non solo perché è più semplice rincorrere l’obiettivo del dimagrimento, ma anche perché la dieta in due fa bene all’amore usando magari cibi più “afrodisiaci”.

Anche i numeri suffragano questa teoria. Dalle ricerche fatte dall’Università del Minnesota è emerso che su un campione di 1800 adulti a dieta, quelli che la seguivano in coppia hanno perso circa 12 chili, contro i 6 dei solitari. La conferma arriva anche dall’Italia. In particolare il Centro Medico Lazzaro Spallanzani di Reggio Emilia ha condotto uno studio sui pazienti del reparto di dietologia. E’ risultato che il 30% delle coppie inizia una dieta in tandem per farsi forza a vicenda (18%), controllarsi reciprocamente (26%) e monitorare in tempo reale i risultati (33%). Ma c’è anche il lato negativo, visto che un coniuge può trascinare il proprio partner verso il fallimento.

Entrambe i sessi sgarrano ma tendenzialmente le donne sono più attente al mantenimento di un regime alimentare equilibrato. Nonostante ciò, il trend vede gli uomini sempre più attenti a questo aspetto, sebbene la maggior parte delle visite dietologiche siano tutt’ora eseguite su pazienti di sesso femminile, negli ultimi anni sono in grande crescita quelle destinate agli uomini. Sempre secondo i dati solo un 15% delle donne sgarra, mentre la percentuale degli uomini sale a 25%. Dimagrire in coppia consente di controllare meglio la scelta dei cibi (33%). Razionare gli ingredienti con più precisione (23%) ma anche di scambiarsi maggiori informazioni (17%). Le diete in tandem spingono anche le coppie a fare insieme maggiore attività fisica (21%). Insomma, dimagrire in modo sano in coppia presenta ottime possibilità di riuscita nel 73% dei casi.

Fare insieme la dieta quindi fa bene, ma bisogna fare attenzione a non essere troppo rigidi l’una con l’altro o c’è il rischio di rovinare il rapporto. Innanzitutto dò un consiglio alle ragazze: mai guardare dove pende l’ago della bilancia! Gli uomini hanno meno massa grassa delle donne, più testosterone, il loro metabolismo è un po’ più veloce e, in palestra, fanno prima i muscoli.

Quindi niente “gare” su chi perde più chili, la parola chiave è alleanza. La cosa più bella di essere a dieta in coppia è anche quella di fare molte attività insieme. Inoltre, un partner riesce a motivare l’altro anche nei momenti di sconforto, mentre è provato che quando è a dieta un partner solo l’altro tende a sabotarlo.

Comunque, prima di cominciare una dieta di coppia, bisogna considerare delle premesse quali, per esempio, che le abitudini alimentari di uomini e donne sono diverse. Solitamente le donne mangiano in modo più vario e “sano”, mentre gli uomini tendono a mangiare grandi quantità di poche cose di cui sono appassionati.

La dieta della coppia deve essere variata in base al sesso e anche al lavoro.

Se uno dei componenti svolge mansioni di fatica, è importante che il numero di calorie introdotte non sia troppo basso, per non portare alla comparsa di episodi di sfinimento. Il dimagramento deve essere quindi graduale e intelligente. E il supporto della coppia serve proprio a perdere chili in modo positivo e con la giusta richiesta di tempo. Sebbene sia positivo avere un partner che sostiene e aiuta quando si sta uscendo dalla carreggiata, diventa antipatico vivere con un poliziotto del cibo. Quindi bisogna essere tolleranti l’uno con l’altra e quando il partner sta perdendo la retta via, basta qualche parola rincuorante e una bella cenetta romantica e ipocalorica preparata insieme.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]